BRANCACCIO

Ricettazione di auto: 7 arresti a Palermo. Alcuni veicoli usati da una onlus

PALERMO. La polizia ha arrestato sette persone accusate di associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione e al riciclaggio di veicoli. In manette sono finito Giuseppe Di Maria, 43 anni; Tommaso e Rocco Tutone, entrambi di 39 anni.

Arresti domiciliari per P.D.M., 25 anni; R.D.M., 45 anni; A.N., 44 anni, e S.T. di 63. L'operazione denominata Dirty Cars è stata condotta dalla squadra investigativa del commissariato di Brancaccio e dalla squadra giudiziaria del compartimento di polizia stradale per la Sicilia occidentale di Palermo.

La base della banda era un'officina nella zona industriale di Brancaccio. A capo dell'organizzazione, secondo le indagini, vi era il gestore dell'officina Giuseppe Di Maria. Persino una onlus, impegnata nell'assistenza e nel trasporto di disabili, impiegava i veicoli trattati dalla banda. Nell'inchiesta sono finite altre 17 persone che si sono rivolte all'organizzazione per ottenere pezzi di ricambio. Sono state accertate anche estorsioni ai danni di automobilisti a cui veniva rubato l'auto e restituita dietro il pagamento di denaro, il cosiddetto cavallo di ritorno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X