Danneggiato e poi restaurato, il busto di Falcone torna nella scuola dello Zen - Video

PALERMO. Il busto di Giovanni Falcone torna nel quartiere Zen a Palermo.

La cerimonia di riconsegna stamane nella scuola intitolata al giudice, dopo il grave danneggiamento dell'opera lo scorso luglio.

Alla cerimonia all'Istituto Comprensivo di via Marchese Pensabene hanno preso parte, oltre alla sorella del magistrato Maria Falcone, il prefetto, Antonella De Miro, il questore, Renato Cortese, il comandante provinciale dei carabinieri Antonio Di Stasio, il comandante della Guardia di Finanza Giancarlo Trotta e il sindaco Leoluca Orlando.

All'indomani del raid che decapitò l'opera, il segretario dell'associazione nazionale funzionari di polizia Enzo Letizia, assunse l'impegno di farsi carico del restauro dell'opera. Hanno subito risposto quattro giovani restauratori della facoltà di "Conservazione e restauro dei beni culturali" presso il dipartimento di Fisica e Chimica dell'Università di Palermo. I giovani hanno lavorato in alcune stanze del commissariato San Lorenzo.

A restaurare il busto sono stati Gianluca e Jessica Di Paola, Martina Palermo e Giuseppe Contiguglia.

In collaborazione con l'amministrazione comunale, il busto trova adesso una sua nuova collocazione nell'atrio della scuola Falcone.

"L'associazione nazionale dei funzionari della Polizia di Stato è orgogliosa di restituire all'istituto comprensivo Giovanni Falcone il busto restaurato del magistrato - dice Letizia - Credo sia giusto ricordare una celebre frase di Falcone 'Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini'. Ecco io credo che oggi questo busto aiuterà le idee di Giovanni Falcone a camminare sulle giovani e robuste gambe degli studenti palermitani".

Immagini di Marco Gullà

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X