PALERMO

Martellate a un commerciante che non pagava il pizzo: riduzioni di pena in appello

di

PALERMO. Riduzioni in appello per Giovanni Buscemi e Carlo Russo, accusati di mafia e estorsioni. In primo grado erano stati condannati a 16 anni, adesso ne hanno avuti 10 e 8 mesi Buscemi e 13 Russo. Confermata l’assoluzione per Marco Neri, assistito dagli avvocati Tommy Delisi e Elvira Rusciano. Il processo è nato dopo l'aggressione a colpi di martello a un commerciante di Palermo che si era rifiutato di pagare.

In primo grado sono stati assolti Angelo De Stefano e Cherki El Ghana,che erano accusati del tentativo di omicidio del negoziante, e Marco Neri accusato di mafia ed estorsione. La procura ha però fatto appello solo per quest'ultimo. Buscemi e Russo, che non rispondevano dunque del pestaggio.

La vittima, che è stata picchiata selvaggiamente il 2 novembre 2013 con colpi di mazzuolo davanti al suo negozio di casalinghi nel quartiere Noce, ha raccontato agli inquirenti la vicenda che aveva portato all'aggressione, poi ripresa dalle telecamere di sorveglianza. Nella vicenda furono implicati anche Giuseppe Castelluccio e Massimiliano Di Majo,sono stati condannati a 16 anni con il rito abbreviato.
Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la vittima non avrebbe chiesto "l'autorizzazione" per aprire il locale e in più si rifiutava di pagare il pizzo, dopo aver ricevuto anche uno "sconto" da tremila a 1.500 euro. Lo "sbirro" - così è stato chiamato più volte dai suoi aggressori - aveva anche bluffato, dicendo di essere andato dalla polizia a denunciarli. Così era partita la spedizione punitiva: serviva un'aggressione severa, esemplare, un monito a tutti gli altri commercianti della città.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X