Emergenza infortuni per il Palermo, Tedino: con l'Entella dobbiamo essere più decisi e credibili - Video

PALERMO. Obiettivo svolta. Il Palermo, dopo la vittoria di Carpi, cerca domani conferme in casa contro l’Entella. Al Barbera servirà una prestazione importante, la B è infatti un campionato indecifrabile.

Tedino, alla vigilia del match, ovviamente non vuole sottovalutare la gara: "L’Entella si difende molto bene, ha molta gamba e riparte con De Luca in velocità. Fare il nostro potrebbe non bastare per fare i tre punti. Non sempre abbiamo avuto una rosa all’altezza. Abbiamo provato poco il modulo, ma non credo giocheremo con la difesa a 4".

Ci saranno ancora assenze, su tutti Dawidowicz e Rolando: “Siamo abituati dall’inizio a convivere con l’emergenza. Non possiamo farci niente: prima Aleesami, adesso Pawel (ha preso un trauma al quadricipite in una partita molto 'maschia', ndr). Lavorare in emergenza ormai è un'abitudine, ma non un alibi. Dobbiamo fare il nostro percorso”.

Tedino predica cautela in vista anche delle prossime partite: “Ovviamente la promozione non è una passeggiata, è un percorso lungo e difficile. Per assenze e per l’impegno ravvicinato sarà una gara difficile. Anche negli episodi dobbiamo essere più decisi e credibili: siamo riusciti a ingigantire anche il Novara che ha fatto 2 gol su 2 tiri e mezzo in porta”.

La scelta di usare una sola punta è solo tattica: “Un solo attaccante non è una scelta legata né all’emergenza né agli avversari. Non si possono 'regalare' giocatori agli avversari, serve equilibrio. Siamo convinti che con questo tipo di soluzioni possiamo fare bene. Nessuna squadra del mondo riesce a fare 100 minuti all’attacco”.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X