IL PIANO

Palermo, pignoramenti per 502 morosi: devono al Comune più di 18 milioni

PALERMO. Il Comune di Palermo invia a Riscossione Sicilia la prima lista di contribuenti non in regola con il pagamento dei tributi comunali, aggiungendo un ulteriore strumento per il contrasto dell’evasione tributaria, causa di gravi danni ai servizi.

I dettagli del provvedimento sono stati illustrati stamani, a Palazzo delle Aquile, nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il sindaco Leoluca Orlando, l’Assessore ai Tributi, Antonino Gentile. I primi pignoramenti saranno ai morosi dei tributi comunali riguarderanno 502 contribuenti che devono complessivamente al Comune 18 milioni 475 mila euro di tasse comunali.

«Con la consegna a Riscossione Sicilia degli elenchi dei morosi recidivi per effettuare i pignoramenti - dice Gentile - si completa il piano d’azione programmato. Potremmo chiamarla l'operazione triangolò. Il primo lato è costituito dall’analisi della morosità in città; il secondo dal pacchetto di regolamenti tributari per facilitare i pagamenti e il ravvedimento operoso; il terzo è quello dei pignoramenti. Va precisato che l’azione di pignoramento sarà diretta verso chi non ha pagato spontaneamente né dopo la notifica dell’avviso di accertamento, né dopo la notifica della cartella esattoriale pur essendo titolare di crediti spesso più elevati dei debiti tributari».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X