4-8 OTTOBRE

Integrazione e dialogo fra culture, a Palermo torna il Festival delle letterature migranti

PALERMO. Raccontare l’integrazione e il dialogo tra culture diverse, le contaminazioni e la natura migrante della stessa letteratura: è il senso della terza edizione del «Festival delle letterature migranti» che torna a Palermo, dal 4 all’8 ottobre con un fitto programma di iniziative presentato a Palazzo delle Aquile dal sindaco, Leoluca Orlando, dall’assessore alla cultura, Andrea Cusumano, e dal direttore artistico della rassegna, il giornalista Davide Camarrone.

Saranno 150 gli ospiti del festival, un centinaio gli incontri, oltre 15 i luoghi interessati e circa 90 i soggetti, pubblici e privati, che hanno patrocinato
l’iniziativa, dall’Università di Palermo al Comune, dai teatri Massimo e Biondo, al conservatorio, a Confcommercio, Gesap e Fondazione Sicilia, per
citarne solo alcuni.

Martedì 3 ottobre, anniversario della strage del naufragio di Lampedusa, l'anteprima del festival alla Cala, con l’inaugurazione del "Lungomare delle migrazioni", come sarà ribattezzata la strada dell’antico porto dal sindaco Orlando. Alle 20.30, al teatro Massimo, la preview del festival.

Letteratura, musica, arti visive, cinema e scuole, le diverse sezioni in cui si articolerà la rassegna, tra letture, mostre, spettacoli e performance che
hanno al centro la «mobilità come diritto e il dialogo tra fedi diverse, perché questo è un festival generalista, chi arriva a Palermo è palermitano», ha detto
il sindaco. «Palermo è una città di intersezione culturale dove la paura non ha cittadinanza» ha aggiunto Davide Camarrone.

Partendo da 50 libri saranno 100 le conversazioni letterarie a cui parteciperanno circa 150 autori, per un programma letterario articolato in sei cornici tematiche: «Alfabeti», dedicata al contemporaneo, «Palermo a pezzi», sul racconto della città, «Meticciati», sulla mescolanza, «Terre perse», sui luoghi che cambiano identità, "Come stare al mondo» e «Lost (and found) in Translation» sulla traduzione. Quest’ultima

sezione prevede un percorso didattico con sei minori stranieri non accompagnati e 4 tutor selezionati tra gli studenti del centro sperimentale di
cinematografia di Palermo che hanno realizzato un documentario «Attraverso Palermo» guidati dai film- maker Letizia Gullo e Pierfrancesco Li Donni.

Numerosi gli ospiti attesi, dal pianista iraniano Ramin Bahrami a Letizia Battaglia, da Corrado Stajano a Piero Melati, da Domenico Quirico al critico Dario Zonta, per citarne solo alcuni. Ricca anche la sezione dedicata ai più piccoli, con le scrittrici per l’infanzia Annamaria Piccione e Sofia Gallo fino alle attività del collettivo «Giocherenda», formato da giovani rifugiati,e spazi appositi e laboratori allestiti anche in piazza Bellini.

Il dettaglio degli appuntamenti sarà on line sul sito del festival.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X