MAFIA

Palermo, confisca da 2 milioni al gioielliere Scrima: "Gestiva i conti del clan di Brancaccio"

confisca mafia, Matteo Scrima, Palermo, Cronaca
Matteo Scrima - 8 anni

PALERMO. La polizia ha eseguito un provvedimento di confisca di beni per due milioni di euro riconducibili al gioielliere Matteo Scrima, 57 anni, ex Pip, condannato a 8 anni per mafia e ritenuto organico alla famiglia mafiosa di Brancaccio. I sigilli sono stati apposti a una gioielleria in via Lincoln, a Palermo a un appartamento e a due box in corso dei Mille.

L'attività commerciale di vendita di preziosi, dicono gli investigatori, sarebbe stata avviata dall'indagato nel 1988, in assenza di redditi, e sarebbe proseguita nel tempo, anche se Scrima, in seguito ai guai giudiziari, ha preferito non comparire formalmente già dal 1997. Dal 2010 al 2011 il gioielliere figurava nella lista degli ex Pip della Social Trinacria onlus: ha percepito la sua ultima retribuzione nell'ottobre 2011, quando è stato arrestato.

Scrima è stato coinvolto nell'operazione denominata "Araba Fenice", che ha portato nel novembre 2011 al fermo di quindici persone ritenute inserite nella cosca mafiosa di Brancaccio, tra le quali Cesare Lupo, capo della famiglia, e Nunzia Graviano sorella di Giuseppe e Filippo. Secondo gli investigatori Scrima era custode della cassa del clan.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X