PALERMO

Occupazioni di aeroporto, stazione e Teatro Massimo: processo per 33 ragazzi del collettivo Anomalia

di

PALERMO. Dovranno presentarsi davanti alla quarta sezione del Tribunale di Palermo il prossimo 20 dicembre i 33 ragazzi che gravitano attorno al centro sociale Anomalia-Ex Karcere e che, secondo l'accusa, tra il 2010 e il 2012, scatenarono la guerriglia urbana in città durante alcune manifestazioni non autorizzate.

L’accusa per loro – che occuparono il teatro Massimo, l’aeroporto, la stazione – è di associazione a delinquere finalizzata all’occupazione. Un reato sul quale ci sono alcune perplessità sollevate anche, dal punto di vista cautelare, dal Riesame e dalla corte di Cassazione che hanno tolto l’obbligo di firma inizialmente inflitto a 16 persone. Il gup Wilma Mazzara ha deciso per il rinvio a giudizio dei giovani che adesso dovranno difendersi davanti al collegio del Tribunale.

Dopo le misure cautelari gli attivisti del centro sociale rivendicarono il loro diritto a manifestare e lottare per "la realizzazione di un'alternativa allo stato reale votato all'impoverimento della maggioranza della popolazione". Di avviso opposto i pm Calogero Ferrara ed Emanuele Ravaglioli, secondo cui ci si trova di fronte a manifestazioni di violenza nel corso delle quali rimasero feriti alcuni agenti di polizia. Ecco perché la Procura aveva chiesto la misura cautelare.

Il Riesame, però, parlò di "estemporanei episodi di violenza che soltanto in alcune occasioni sono apparsi pre organizzati da un manipolo di individui ma comunque trattasi di episodi avvenuti in tempi assai diradati e poco significativi di una regia comune e poco significativi di un vero e proprio programma criminale e di un gruppo permanente che lega più individui".

Poi arrivò anche la decisione della Cassazione, che confermò il Riesame.

"L'impianto accusatorio, reiterato dai pm procedenti – disse l’avvocato Giorgio Bisagna - è stato sconfessato, non solo da ben tre collegi del Tribunale della Libertà di Palermo, che hanno annullato la misura cautelare, per carenza di prova in ordine al reato di cui all'art.416 c.p. (l'associazione a delinquere, ndr), ma soprattutto dalla Suprema Corte di Cassazione, Sezione VI, che con ben diciassette ordinanze, non si è limitata a confermare l'annullamento sancito dal Tribunale di Palermo, ma ha dichiarato la totale inammissibilità dei ricorsi presentati dalla Procura della Repubblica di Palermo. Prendiamo atto, che la Procura intende comunque procedere su tale strada".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X