M5S

Nuti: chiudere Reset, inutile carrozzone

comune di palermo, Gesip, m5s, reset, Riccardo Nuti, Palermo, Politica
Riccardo Nuti

PALERMO. "Ora basta: l'amministrazione comunale abbia il coraggio di chiudere la Reset (ex Gesip), il carrozzone più scandaloso che la storia siciliana, e forse pure quella italiana, ricordi". Lo dice il deputato Riccardo Nuti, dopo che nei giorni scorsi i dipendenti della partecipata comunale hanno chiesto di alzare le ore lavorative settimanali, con conseguente aggravio per il bilancio comunale di 10 milioni di euro.

"Non nascondiamoci dietro un dito - aggiunge - la Reset è campione di disservizi, nonostante l'impegno di alcuni dipendenti, negli anni non si è mai dimostrata efficiente in nessuno degli ambiti di cui pure dovrebbe occuparsi, dalla pulizia delle spiagge, abbandonate per gran parte dell'anno, fino alla pessima gestione di canile, piscina comunale e cimitero".

"Eppure - continua ancora Nuti - ad oggi il mega carrozzone costa alle casse comunali la bellezza di 33 milioni di euro, di cui ben 29 solo per pagare il personale. Nel 2014, l'onere gravante sul bilancio dell'amministrazione era di appena 980mila euro. Un balzo clamoroso che, però, alla Reset non basta, tanto che ora chiede, tramite i sindacati, ulteriori 10 milioni, per quello che sembra l'ennesimo stipendificio".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X