La cattura dopo l'omicidio, il comandante dei carabinieri: risposta delle istituzioni in un luogo difficile

PALERMO.  Calogero Lo Presti, 23 anni, cugino del boss di Portanuova Tommaso Lo Presti, è stato fermato poco dopo l'omicidio di Andrea Cusimano, fruttivendolo di 30 anni ucciso a colpi di arma da fuoco nel mercato del Capo.

"Questo è un luogo dove si trova un mandamento tra i più importanti della provincia di Palermo, costantemente controllato dalle forze dell'ordine - commenta il colonnello Antonio Di Stasio, comandante del comando provinciale dei Carabinieri di Palermo -. Fermato il presunto killer, - sono in corso tutti gli accertamenti del caso, tra cui il movente. La vittima è rimasta uccisa sotto vari colpi di arma da fuoco, tra i quali uno al torace".

Per quanto riguarda la dinamica, il colonnello aggiunge: "Mentre la vittima si trovava nel suo luogo di lavoro, è arrivata una macchina e da quel momento sono partiti i colpi. Ne è seguita una fuga. Ma anche la dinamica è tutta in fase di accertamento".

Immagini di Piero Longo

 

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X