IN BRIANZA

Biagio Conte allontanato da una messa a Monza: «Non lo conoscevamo»

di
biagio conte allontanato da messa, missione speranza e carità Palermo, Biagio Conte, Palermo, Cronaca
Biagio Conte

PALERMO.  «Se ce lo diceva prima... Qui a Monza nessuno conosce fratel Biagio. Voleva prendere la parola prima che finisse la messa. Il sacrestano si è ben guardato dal cacciarlo fuori dal duomo come hanno scritto avventatamente in molti, dalle nostre e dalle vostre parti. Glielo ha semplicemente impedito. Sa, in Brianza non siamo abituati a quel genere di abbigliamento, è probabile che la gente resti sulla difensiva. Biagio Conte sappia, però, che qui è il benvenuto: bastava presentarsi e concordare l’intervento».

Un sacrestano ferreo come la leggendaria corona che cinse la testa di sovrani longobardi e imperatori del Sacro Romano Impero, che il duomo di Monza ha in ventre nella teca più importante del proprio tesoro. L’arciprete della basilica brianzola, don Silvano Provasi, difende intenti e modi di quel sacrestano che nell’antivigilia di Ferragosto ha arginato l’impeto evangelico di fratel Biagio impegnato in queste settimane in un pellegrinaggio fuori dalla Sicilia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X