PALERMO

Rubano l'elettricità, nei guai due commercianti del Capo e del Borgo vecchio

allaccio abusivo rete elettrica, furto energia elettrica, Palermo, Cronaca
Alcuni contatori elettrici in una immagine di archivio

PALERMO. Un macellaio del Capo e un panettiere del Borgo Vecchio sono finiti nei guai per furto di energia elettrica. I carabinieri hanno scoperto, in entrambi i casi, le loro attività commerciali allacciate abusivamente alla rete elettrica pubblica.

Nel primo caso, i carabinieri del Nas hanno arrestato un macellaio F.P.G., 64 anni, nel quartiere Capo. I militari hanno accertato che il commerciante aveva allacciato abusivamente l'impianto elettrico del proprio esercizio commerciale alla rete elettrica pubblica.

Nel corso del controllo i militari del Nas hanno contestato la mancanza autorizzazione e attuazione delle procedure di autocontrollo (H.A.C.C.P) e pertanto sono state contestate sanzioni amministrative per un totale di 5.000 euro, con annessa proposta rivolta all'Asp di Palermo di competenza per sospendere l'attività in attesa dell'autorizzazione.

Il giudice ha convalidato l'arresto e il macellaio è stato sottoposto alla misura dell'obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

Sempre per furto di energia elettrica, i carabinieri della compagnia di Piazza Verdi, insieme al nucleo del Nas e del Nil, hanno arrestato Fabio Bonanno, 33 anni gestore di un panificio al Borgo Vecchio. I militari hanno accertato che, anche in questo caso, l'uomo aveva allacciato abusivamente l'impianto elettrico del proprio esercizio commerciale alla rete elettrica pubblica. Bonanno è stato inoltre denunciato per ricettazione in quanto il contatore elettrico era provento di un furto denunciato l'anno scorso a Palermo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X