MAFIA

Arrestato "aspirante" pentito Tuzzolino, i pm: "Ha mentito"

PALERMO. La squadra mobile di Caltanissetta ha arrestato l’aspirante pentito Giuseppe Tuzzolino. E’ indagato di calunnia aggravata e continuata.

Tuzzolino, agrigentino, in passato ha tentato di accreditarsi come collaboratore di giustizia presso la Procura di Palermo parlando di mafia, massoneria, progetti di attentati a magistrati e millantando rapporti col boss latitante Matteo Messina Denaro.

L’attendibilità del collaboratore di giustizia accese una discussione all’interno della Procura di Palermo. A ritenerlo affidabile era l’allora aggiunto Teresa Principato. Tuzzolino, peraltro, aveva raccontato di un progetto di attentato ai suoi danni.

Scettici i vertici dell’ufficio inquirente del capoluogo e del pool di pm che si occupa della mafia di Trapani su cui il pentito aveva fatto dichiarazioni. Tra l’altro Tuzzolino raccontò agli inquirenti di essere stato avvicinato da un uomo, nella località segreta in cui viveva, e di essere stato invitato a ritrattare le dichiarazioni che stava facendo sui rapporti tra il boss latitante Matteo Messina Denaro e la massoneria.

Tuzzolino è accusato di calunnia nei confronti dell’ex suocero, nei confronti di un magistrato palermitano che aveva accusato di corruzione - da qui la competenza sull'indagine della Procura nissena -, di un avvocato marchigiano e di un conoscente di quest’ultimo. Il pentito si sarebbe inventato un piano della mafia, della banda della Magliana e del clan Casamonica per uccidere magistrati palermitani e il familiare di uno di loro.

Dietro al progetto, a suo dire, ci sarebbe stato il boss Messina Denaro.  Nella nota diffusa dai pm nisseni che hanno chiesto l’arresto di Tuzzolino si specifica che la Procura di Caltanissetta non ha mai dato parere favorevole alla concessione del programma di protezione per Tuzzolino che comunque godeva di una tutela provvisoria.

Avrebbe inventato rivelazioni esplosive sul boss latitante Matteo Messina Denaro e progetti di attentati a magistrati palermitani per avere i benefici dello status di collaboratore di giustizia.

«Secondo una collaudata tecnica, partendo da dati oggettivamente veri tratti da fonti aperte, ha riferito di collegamenti con figure e argomenti di interesse investigativo per rendersi credibile», scrivono i pm di Caltanissetta che ne hanno chiesto e ottenuto l’arresto.

I magistrati parlano di dichiarazioni a rate e di modifiche progressive delle dichiarazioni rese in base alle esigenze del momento. «Il materiale probatorio - spiegano - evidenzia una connotazione assolutamente negativa della personalità di Tuzzolino, propenso alla menzogna e uso a strumentalizzare a fini personali lo status di collaboratore di giustizia accusando persone che sfortunatamente si sono trovate ad interagire con lui».
Tra le persone calunniate dal pentito anche un magistrato e alcuni esponenti delle forze dell’ordine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X