Statua Falcone vandalizzata, la preside dello Zen: siamo demoralizzati ma non molleremo - Video

PALERMO. "Esprimo la mia amarezza per tutto quello che è successo. Appena sono arrivata, lo sconforto e il dolore sono stati grandi. Perché atti di vandalismo ce ne possono essere tanti ma questo va al di là. Perché è stato colpito il simbolo, l'ideale in cui si incarnano tutti i valori che portiamo avanti e impartiamo a questi ragazzi". Lo dice Daniela Lo Verde, preside dell'istituto comprensivo Giovanni Falcone, dove si è verificato l'atto vandalico contro il busto del magistrato ucciso dalla mafia.

"Al di là di tutte le cose visibili noi facciamo un'azione quotidiana di accoglienza, di benessere verso tutti i bambini. Proviamo a fare tutto e di più nonostante tutto non sia sufficiente - prosegue - Il personale della scuola si impegna a fare tutto e di più. Non è una ragazzata. Non so fino a che punto possano essere stati ragazzi. Dopo avere rotto il portone e fracassato il vetro se avessero voluto sarebbero potuti entrare. Noi cerchiamo di fare qualsiasi cosa per gli alunni, ma manca la costanza progettuale che ci consenta di rimanere aperti anche di pomeriggio, quando sarebbe necessario anche questo".

Per la preside: "A fare questo noi ci proviamo, ma servono finanziamenti non indifferenti. Quello che ci viene consentito lo portiamo avanti, ma ancora non sono sufficienti i mezzi a disposizione per un'ampia attività progettuale come la vorremmo".

 

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X