L'INCHIESTA

Finanza negli uffici del Palermo, perquisita anche la casa di Zamparini: "Solo perché non ho ceduto il club"

di

ROMA. Ancora tuoni e fulmini in casa Palermo. Il risveglio di oggi è da choc: la Guardia di Finanza nella sede del Palermo in via del Fante per una serie di perquisizioni nell’ambito di un’inchiesta che non promette nulla di buono per i tifosi rosanero. I reati ipotizzati sarebbero falso in bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio.

Le perquisizioni, secondo quanto si apprende, riguardano non soltanto gli uffici della società ma anche quelli del Gruppo Zamparini e l’abitazione del presidente.

Secondo il presidente Zamparini però, intervistato da ForzaPalermo.it, le perquisizioni non hanno a che fare con le ipotesi di falso in bilancio e appropriazione indebita: "Ho la Guardia di Finanza in tutte le mie case e nella sede del Palermo, perché non ho ceduto la Società a Baccaglini. Siccome sembra che venerdì scorso un Pm abbia detto che se io non avessi venduto il Palermo a Baccaglini mi avrebbe arrestato, probabilmente il motivo è questo. Falso in bilancio? Ma per l'amor di Dio, non c'è assolutamente nulla, sono anni che sono a Palermo ed è tutto sotto controllo". Il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi ha però precisato che l'inchiesta non ha nulla a che vedere con la cessione della società.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X