LA CERIMONIA

Insediati i quattro nuovi procuratori aggiunti a Palermo

PALERMO. Si sono insediati i quattro nuovi procuratori aggiunti di Palermo: Marzia Sabella, Ennio Petrigni, Paolo Guido, Sergio Demontis. La cerimonia di insediamento si è svolta nel corso di un'udienza davanti a un collegio del tribunale con il presidente Salvatore Di Vitale.

E' intervenuto il procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi. "Non posso fare a meno - ha detto - di ringraziare i procuratori aggiunti che hanno lasciato il loro incarico: Leonardo Agueci (in pensione da qualche giorno); Maurizio Scalia e Vittorio Teresi che proseguiranno il loro lavoro alla Procura di Palermo come sostituti e Maria Teresa Principato che approda alla Direzione nazionale antimafia".

"I volti che si insediano non sono nuovi - ha aggiunto -. Marzia Sabella rientra dopo un periodo di fuori ruolo in una funzione delicata come quella della Commissione parlamentare Antimafia, gli altri sono sostituti in questa Procura". "Demontis - ha proseguito - si è impegnato in complessi processi contro la mafia e in quelli sui reati a danno della pubblica amministrazione. Poi è entrato in Dda, svolgendo le funzioni di pm in alcuni dei più importanti processi per 416 bis. Paolo Guido è in procura a Palermo da vent'anni. Già nel 2002 è stato in Dda, occupandosi di procedimenti di grande rilevanza. Petrigni è in magistratura dal 1991, ha cominciato come giudice a Sciacca. Si è occupato di reati ambientali, urbanistici, di truffe all'Ue, ha mostrato la sua versatilità occupandosi di colpe medica e poi è entrato in Dda".

"Anche Marzia Sabella - ha spiegato Lo Voi - ha fatto un po' di tutto ma i risultati di maggiore rilievo li ha avuti durante la permanenza in Dda, si è occupata del coordinamento delle indagini su numerosi latitanti tutti arrestati: uno su turi Bernardo Provenzano".

"Credo basti questo - ha concluso - per potere ritenere che da oggi la Procura riprenderà a pieno regime tutte le sue attività e lo farà con grande efficacia da percettibili segnali di armonia che ho già raccolto tra di loro e con il resto della Procura. Il loro passato professionale conferma questa capacità. La loro professionalità è garanzia di ottimi risultati. Mi sembra davvero un'ottima giornata per la Procura di Palermo".

Di Vitale, lodando la scelta del Csm ha ribadito la carenza di organico tra i giudici. "Quasi al 20%", ha spiegato. Qualche polemica sull'assenza degli avvocati ma il presidente dell'Ordine Francesco Greco ha sottolineato di non aver ricevuto nessun invito.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook