PALERMO

Neonato picchiato e gravemente ferito, condannati i genitori per tentato omicidio

PALERMO. Il gup di Palermo ha condannato rispettivamente a 10 anni e 4 anni e 8 mesi, per tentato omicidio, i genitori di un neonato che, a Ferragosto del 2013, fu portato d'urgenza all'Ospedale dei Bambini con fratture multiple al cranio, alle braccia, alla clavicola.

I genitori dissero che era rimasto ferito cadendo mentre tentava di gattonare. Ma i medici sostennero subito che il piccolo fosse stato picchiato. Il pm aveva chiesto 8 anni per il padre e 4 e 8 mesi per la madre. Una perizia, disposta dal gup, diede ragione ai medici.

Secondo i consulenti le lesioni, che hanno determinato la sordità del bambino e difetti di vista, hanno una genesi traumatica, etero indotta e violenta. Di diverso avviso gli esami dei periti della difesa secondo i quali le lesioni sarebbero dovute soprattutto a traumi del parto. Proprio sulle perizie si giocava gran parte del processo ai genitori del piccolo, che hanno scelto il rito abbreviato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X