PALERMO-GENOA

Bortoluzzi: mi candido per la panchina della prossima stagione

PALERMO. La paura fa brutti scherzi. Lo sa bene Diego Bortoluzzi, che non può essere felice per la vittoria di oggi, arrivata troppo tardi. "La tensione - ha detto - è una componente importante e a volte si commettono troppi errori a causa di questo. I giocatori stanno dimostrando un ottimo atteggiamento, in allenamento sono esemplari vista anche la situazione e ci sono le promesse di chiudere al meglio il campionato. Sono venuto qui per giocarmi una possibilità e per farlo sapevo che sarebbero dovuti arrivare i risultati, sono contento che l'atteggiamento dei giocatori sia migliorato, c'è grande disponibilità e voglia di allenarsi e mi candido per la panchina del prossimo anno. Dobbiamo continuare così, abbiamo ancora due partite e dare continuità al nostro lavoro. La componente legata alla tensione è importante e anche se fossi stato chiamato prima avrei potuto far meglio o magari no".

E' un brutto momento per il Genoa e per Ivan Juric, Inspiegabile la prestazione dei liguri contro il Palermo già retrocesso. "Non ho molto da dire, abbiamo regalato un gol e la partita in maniera incredibile - ha detto il tecnico genoano -. E' difficile capire come ha fatto Lamanna a prendere gol, ora dobbiamo pensare alla prossima partita".

Il Palermo ha opposto una blanda resistenza, eppure gli uomini di Juric non sono riusciti a segnare nemmeno un gol. "Noi abbiamo trovato una retrocessa che si è comportata come una squadra retrocessa - ha spiegato - non ci ha dato una battaglia enorme. Hanno fatto una partita normale però non riesco a pensare al gol che abbiamo subito oggi, evidentemente dentro i giocatori c'è qualcosa che manca che non riesco a spiegare. Quando perdi una partita del genere ti fai tante domande ma non mi sento di incolparmi per qualcosa".

Dopo l'impresa contro l'Inter, quindi, il Genoa ritorna in bilico. "Da questo momento - ha concluso - tutte le nostre energie saranno rivolte alla sfida contro il Torino, non mi riesco a spiegare la prestazione del primo tempo e soprattutto quella di alcuni giocatori. Il secondo tempo è stato più vivo, abbiamo comunque preso un gol che succede poche volte nella vita e nella carriera di un calciatore o allenatore. Contro il Torino ci giocheremo la vita, oggi abbiamo sprecato un'occasione tremenda. Credevo che avremmo fatto bene soprattutto dopo la prestazione mostrata contro l'Inter, abbiamo creato tanto ma purtroppo non siamo riusciti a pareggiare".

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook