Studenti artisti a Palermo: così abbiamo reinventato l'antico stabilimento balneare di Mondello

PALERMO. Giovani ciceroni per raccontare la storia dell’antico stabilimento balneare nato sul mare di Mondello nei primi anni del Novecento. Gli studenti della scuola Sciascia hanno adottato la struttura e l’hanno virtualmente “reinventata”, vestendola di colori, luci, rendendola ora un’opera pop ora una tela naif, ora un gioco di ombre, ora un'opera impressionista o dai toni gothic.

I ragazzi infatti, non solo hanno fatto da ciceroni e guide dedicate per scoprire lo Stabilimento liberty, ma hanno anche rielaborato l'immagine del prospetto principale, utilizzando una particolare app da studio di architettura.

Il risultato è stata una vera e propria sperimentazione di tecnoarte che ha usato il mezzo tecnologico trasformandolo nello strumento di una forma nuova di indagine, per valorizzare i luoghi del patrimonio culturale, promuovendone una fruizione interattiva.

Tutto questo è diventato una piccola ma preziosa mostra – “Un tuffo nell’arte digitale” - composta da immagini, proiezioni, monografie, cartoline e francobolli celebrativi, che resterà allestita allo Stabilimento, in collaborazione con la Mondello Italo belga, fino al 19 maggio.

La scuola Sciascia partecipa al progetto "Panormus. La scuola adotta la città". Venerdì 19 maggio, dalle 9 alle 13, un’altra visita guidata degli studenti, in occasione della giornata nazionale AMA e a conclusione mostra.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook