POLIZIA

"Squillo" sudamericane a Palermo: sgominata una rete di incontri nelle case del centro

di

PALERMO. Un sito internet di incontri serviva da "vetrina" per prendere contatto con le ragazze, che, una volta testata l'affidabilità dei clienti, in privato fornivano a questi ultimi gli indirizzi degli appartamenti in cui consumare i rapporti, che "costavano" dai 40 ai 100 euro a prestazione. La polizia ha scoperto un giro di prostituzione in alcune case a luci rosse di diverse zone residenziali della città. Gli agenti hanno tratto in arresto, ai domiciliari, un 38enne palermitano, Marco Cricchio, ritenuto responsabile del reato di induzione, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

Dalle indagini, durate alcuni mesi e condotte dai poliziotti della sezione “investigativa” del Commissariato “Libertà”,  è emerso un grosso giro di prostituzione e sfruttamento di ragazze sudamericane, alle quali venivano fornite delle comode “garconniere” ricavate in appartamenti presi in affitto, alcuni anche in zone residenziali cittadine e subaffittate alle straniere che, oltre a ripagare il canone mensile, avrebbero girato a Cricchio una grossa fetta dei loro guadagni.

Le ragazze, giovanissime, cambiavano di continuo, una modalità che, secondo gli inquirenti, avrebbe assicurato maggiore riservatezza e ridotto la possibilità di attirare attenzioni indesiderate.

Durante le indagini, sono stati ascoltati numerosi clienti, tutti provenienti da Palermo e provincia e di diverse fasce sociali. Sono in corso accertamenti per verificare l’eventuale coinvolgimento di altre persone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook