Gam di Palermo, alla scoperta dei tesori del museo

PALERMO. Ogni seconda domenica del mese, alle 11 (secondo turno alle 11,30, biglietto: 8 euro), la Galleria d’arte moderna apre alla visita i depositi. «Nei meandri del museo» è un percorso tra i tesori non esposti, visto che l’abituale percorso espositivo rappresenta solo la punta dell'iceberg del patrimonio.

I depositi costituiscono infatti il volto in ombra, ma certo non meno interessante, del museo: un indispensabile serbatoio che custodisce le opere escluse, spesso per motivi di spazio, comunque studiate e sottoposte a restauro. La visita si svolge lungo i due piani che accolgono dipinti e sculture in continuità per epoca, pregio e per contenuti con la collezione esposta. Tra le opere, sculture di Antonio Ugo, Domenico Trentacoste e Benedetto Civiletti o tele di Lojacono, Catti e Rizzo, Giacinto Grosso o il veneto Giacomo Favretto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X