IL BLITZ DI MERCOLEDI'

Cocaina a Palermo, affari in una Smart ma c'era una microspia

di

PALERMO. La Smart dei trafficanti girava in lungo e in largo ed a bordo la microspia registrava tutto. Le partite di cocaina passavano di mano in mano, una è stata registrata in diretta: «È 340 la roba» e poi si sentono il rumore del frullatore per miscelare la droga e le parolacce perchè il bilancino di precisione non funziona.

Grazie a queste intercettazioni la squadra mobile ha potuto raccogliere prove e indizi a carico del gruppo finito in carcere tre giorni fa, capeggiato secondo l’accusa da Alessandro Bronte e Pietro Catalano, entrambi di Ballarò. Sarebbero stati loro a rifornire i pusher che poi smerciavano la polvere bianca ad una clientela di professionisti e commercianti.

La Smart era in uso a Catalano, ma veniva usata anche in sua assenza da Bronte, considerato dagli investigatori l’anello di collegamento tra la banda di trafficanti e Cosa nostra. Non a caso ha ricevuto l’ordine di custodia in carcere, accusato di associazione mafiosa, ritenuto molto vicino al capo mandamento di Porta Nuova, Tommaso Lo Presti.

Cocaina per professionisti a Palermo, due bande si dividevano i clienti - Foto e nomi degli arrestati

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X