PALERMO

Pagliarelli, protesta detenuti: «Vogliamo più cibo, acqua calda e pay tv»

di

PALERMO. La protesta degli «ospiti» del carcere Pagliarelli, in sciopero della fame, arriva al ministero della Giustizia. I detenuti chiedono cibo più abbondante e selezionato, televisori sintonizzati su più canali, docce ogni giorno, acqua calda dai rubinetti delle celle e abiti più pesanti per vincere il freddo.

Le richieste arrivano principalmente dai reclusi del reparto Nord, la sezione di massima sicurezza, poco più di trecento delle oltre 1.200 persone rinchiuse nella casa circondariale affacciata sul viale Regione Siciliana.

I detenuti, che da ieri a cena dopo quasi una settimana avrebbero cominciato ad allentare il digiuno forzato, lamentano i «continui disagi» in cui sarebbero «costretti a vivere, causati dal pregiudizio di essere considerati numeri e non esseri umani».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X