San Giuseppe Jato, al via rassegna teatrale al centro diurno

Enlarge Dislarge
2 / 3
San Giuseppe Jato, al via rassegna teatrale al centro diurno
San Giuseppe Jato, al via rassegna teatrale al centro diurno

SAN GIUSEPPE JATO. “E...volutamente teatro ai margini”: al via domenica a San Giuseppe Jato la rassegna teatrale organizzata dalla compagnia “I Policandri” in collaborazione con il Comune. Sette gli spettacoli in programma all’interno del teatro allestito nel Centro diurno di via La Pira. In scena Gigi Borruso, Giuditta Perriera, Enzo Vetrano, Stefano Randisi e Saverio La Ruina.

Si parte il 12 febbraio alle ore 18 con "Delirio a due" di Eugène Ionesco, con Martina Cassenti e Paolo Pintabono dell'Istituto Nazionale del Dramma Antico di Siracusa. Sabato 18 febbraio sarà la volta di “La Lettera” portato in scena da I Policandri. L’11 marzo spazio a Gigi Borruso in “Luigi che sempre ti penza”. Il 25 marzo il palcoscenico toccherà nuovamente alla Compagnia Teatrale I Policandri” con lo spettacolo “Non si può parlare d’amore senza timore di perderlo”. Testi di Michele Perriera rielaborati dalla figlia Giuditta. Il 7 aprile Totò e Vicè di Franco Scaldati con Enzo Vetrano e Stefano Randisi. A calcare la scena jatina il 22 aprile sarà invece uno dei grandi nomi del teatro italiano, Saverio La Ruina, che porterà in scena “Polvere”. Il 6 maggio la rassegna si concluderà con un altro spettacolo de “I Policandri” e con un testo di Ionesco: “La cantatrice calva” per la regia di Maurizio Carlo Luigi Vitale, curatore dell’intera rassegna che, il 5 marzo, prevede anche uno spettacolo dedicato ai bambini “Alice nel paese delle meraviglie”. L’abbonamento ai sette spettacoli ha un costo di 70 euro

“L’idea – spiega Vitale - nasce dal sogno della nostra compagnia di vedere tornare il teatro di prosa a San Giuseppe Jato, dove viviamo e dove lavoriamo da tantissimi anni. Così abbiamo dato corpo al nostro desiderio di dare un seguito alla rassegna che quasi vent’anni fa l’Ente Teatrale Italiano organizzò proprio qui, e che vide la partecipazione, tra i tanti, di Emma Dante, Luciano Nattino, Gigi Gherzi, Ascanio Celestini, Massimo Verdastro, Francesca Dalla Monica e tanti altri. Oggi che l’Eti non esiste più è toccato a noi ed alla Amministrazione Comunale organizzare un nuovo momento di teatro per riportare grandi artisti nel nostro territorio”. Arriveranno così Gigi Borruso, Giuditta Perriera, Enzo Vetrano e Stefano Randisi e Saverio La Ruina. “Il filo conduttore della rassegna – sottolinea Vitale - sono i sentimenti, perduti, camuffati e ritrovati. Si parla di coppia, di amicizia di amore, ed abbiamo deciso di omaggiare il grande drammaturgo franco-rumeno Ionesco aprendo e chiudendo con due sue opere”.

© Riproduzione riservata