NEL CIE DI ROMA

Condannata per terrorismo a Palermo, la ricercatrice libica resta in Italia

Kadiga Shabbi, Palermo, Cronaca
Khadiga Shabbi

PALERMO. Khadiga Shabbi, la ricercatrice universitaria libica condannata la settimana scorsa ad un anno e otto mesi per istigazione a commettere reati di terrorismo, resterà nel Cie di Ponte Galeria a Roma. Lo ha deciso il giudice monocratico al quale, dopo la scarcerazione per pena sospesa e il decreto di espulsione del prefetto di Palermo, si sono rivolti i legali della donna invocando la protezione internazionale e chiedendo che Shabbi non fosse rimpatriata in quanto nel suo Paese è in corso una guerra civile.

Il giudice monocratico valuterà, sulla base delle informazioni che riceverà dall'ufficio migrazione, l'eventuale concessione della protezione e la liberazione della ricercatrice, ma in attesa di chiarimenti ha comunque deciso di non lasciare libera Shabbi e di trattenerla nel Cie. Provvedimento di cui ancora non si conoscono le motivazioni ma che sarebbe legato a motivi di sicurezza.

Il caso Shabbi, in Italia grazie a una borsa di studio all'università di Palermo pagata dall'ambasciata libica, è scoppiato a dicembre del 2015, quando la Procura di Palermo, a seguito di una inchiesta della Digos, ne dispose il fermo. I pm hanno contestato alla donna di avere fatto propaganda a gruppi integralisti islamici attraverso il web e diversi contatti con foreign fighters libici.

La Procura ne aveva chiesto la condanna a 4 anni, il gup gliene ha dato uno e otto mesi sospendendole la pena e liberandola. Dopo la scarcerazione l'imputata, raggiunta dal decreto di espulsione del prefetto, è stata trasferita al Cie di Roma.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X