LA PROCLAMAZIONE

Palermo capitale italiana della Cultura 2018: "Città dell'accoglienza e dei diritti"

ROMA. Culla di civiltà e arti millenaria, patria di uomini come Don Puglisi e Giuseppe Tomasi di Lampedusa, ma anche sede del più grande Gay Pride del sud d'Europa. Soprattutto "città dell'accoglienza e dei diritti". Dopo Mantova per il 2016 e Pistoia per il 2017, sarà Palermo la Capitale italiana della cultura del 2018, annunciata oggi dal ministro di beni culturali e turismo Dario Franceschini al termine dei lavori della giuria presieduta da Stefano Baia Curioni e un rush finale "contro" le concorrenti Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l'Unione dei comuni elimo-ericini.

Una vittoria che porta alla città anche un milione di euro per la realizzazione del progetto presentato e l'esclusione delle risorse investite dal vincolo del patto di stabilità. "La nostra cifra culturale più significativa e che rivendichiamo è la cultura dell'accoglienza", commenta a caldo il sindaco Leoluca Orlando, che per il suo dossier può contare "su 6 milioni e mezzo di budget, più altri 70 che avremmo speso comunque", ma che più di tutto tiene a raccontare l'anima del progetto vincente.

"Noi - dice - rivendichiamo il diritto di ogni essere umano di essere e restare diverso, ma di essere e restare uguale". E' il suo assessore alla cultura, Andrea Cusumano, a illustrare i dettagli di un programma che "avremmo realizzato comunque. Già la settimana prossima - dice - inaugureremo la restaurata Chiesa dei Ss. Euno e Giuliano", che diventerà spazio per mostre e iniziative culturali.

"Verrà potenziata - prosegue - l'edizione 2018 del Festival della letteratura migrante, nato due anni fa con oltre 140 autori del Mediterraneo. E dopo San Pietroburgo e Zurigo, nel 2018 sarà Palermo ad accogliere Manifesta, la più grande Biennale di arte contemporanea migrante, che sarà declinata sui temi dell'accoglienza". C'è poi il piano di "riqualifica de La Kalsa", il waterfront della città, "con Francesca e Massimo Valsecchi, tra i più grande collezionisti d'arte d'Europa, che nel 2018 riapriranno il restaurato Palazzo Butera.

E ancora, apre l'ex Convento di S. Francesco, un tempo esattoria dei fratelli Salvo, trasformato in Centro di cultura araba e del Mediterraneo. Il progetto - sottolinea - non riguarda solo il mio assessorato, ma ha costruito un sistema per la città". I complimenti, sportivamente, arrivano anche dalla grande battuta, Ercolano. "Sono contento che abbia vinto una bellissima città del Sud", dice il primo cittadino, Ciro Bonajuto.

"La competizione ogni anno diventa più virtuosa - commenta il Ministro Franceschini - perché spinge verso una programmazione complessiva della città. Già essere tra le dieci della short list è una medaglia al petto, un orgoglio come una candidatura all'Oscar. L'esperienza di Mantova, Capitale del 2016, e' un esempio da guardare e studiare" e anche "Pistoia sicuramente funzionerà. Palermo - prosegue - naturalmente era ed è già una Capitale. Ma questo titolo la valorizza ancora di più" e "il progetto che punta sull'inclusione sociale invia un bel messaggio".

Per il 2019 niente competizione, perché sarà l'anno di Matera Capitale della cultura europea. "Ricominceremo nel 2020 - conclude Franceschini - e poi il Paese non si fermerà più perché di città, comuni o borghi in grado di essere Capitale ce ne sono veramente infiniti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook