MAFIA

Teatro Massimo, l'ex direttore di sala
parla con i pm: il politico cercò il boss

di
Alfredo Giordano, Palermo, Cronaca, Mafia e Mafie
Alfredo Giordano

PALERMO. Il politico, il candidato alle regionali di Grande Sud Pietro Vazzana, si sarebbe impegnato a pagare 30 mila euro per 500 voti, ma poi non se ne fece nulla. Il faccendiere sosteneva di avere amicizie in tribunale, con un giudice donna, e che questi contatti avrebbero potuto consentirgli di far dissequestrare i beni di due mafiosi come Santi Pullarà e Gaetano Di Marco.

Due dipendenti del teatro Massimo si sarebbero lanciati invece in affari di usura, prestando 30 mila euro allo stesso faccendiere-immobiliarista, Giorgio Girgenti e pretendendo la restituzione di 50 mila in sei mesi.

Ecco Alfredo Giordano: 65 anni, già direttore di sala del teatro Massimo, arrestato nel marzo scorso nel blitz Brasca, contro le cosche di Villagrazia e Santa Maria di Gesù. Da trent’anni al teatro, casa nel salotto della città, una figlia soprano, un arresto per mafia. Ora parla con i pm.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI PALERMO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X