PALERMO

Pochi e «anziani» i dipendenti comunali, allarme dei sindacati

di

PALERMO. Sempre di meno e sempre più «vecchi». È una fotografia impietosa - in bianco e nero, verrebbe da ironizzare - quella dei dipendenti di Palazzo delle Aquile: circa 6700 lavoratori con contratto a tempo pieno, a cui si aggiungono circa 2600 part-time, gli ex Lsu stabilizzati che svolgono dalle 20 alle 25 ore settimanali.

Un «parco umano» che solo tra il 2011 e il 2015 si è assottigliato di mille unità e che, per l’esatta metà dei suoi componenti, schizza dai 55 anni in su. E così, succede che nell’area tecnica della Riqualificazione urbana e della infrastrutture non c’è neppure un dipendente con laurea triennale né un ingegnere junior, figura che oggi generalmente sostituisce il geometra; che, sempre lì, nessuno è in grado di fare progettazione sfruttando il Bim (Building Information Modelling).

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI PALERMO DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X