PALLANUOTO

Spettacolo TeliMar a Palermo: vittoria contro il Civitavecchia

pallanuoto, telimar, telimar-civitavecchia, Palermo, Sport
Telimar contro Civitavecchia - Foto Ufficio stampa Telimar

PALERMO. Grande spettacolo alla Piscina Olimpica Comunale di Palermo, dove il TeLiMar batte il Civitavecchia per 15-7 nella sesta giornata del girone di andata del Campionato di Pallanuoto di Serie A2 Sud. Un match in cui la concentrazione degli uomini di Schimmenti è stata fondamentale per mettere nel cassetto 3 punti preziosi. Ottima prova da parte di tutta la squadra, con reti importanti anche per i più giovani.

Dopo una fase di studio, passano in vantaggio i padroni di casa che vanno a segno con il Capitano Fabrizio Di Patti a 4’47. I laziali agguantano il pareggio con un gran tiro di Iula da fuori a 1’34, ma il primo parziale si chiude sul 2-1 per la rete di Pesenti in controfuga su uomo in più.

In avvio del secondo tempo, Checchini in controfuga segna il 2-2 e il Civitavecchia si porta in vantaggio sul 2-3 con Romiti a 6’41, approfittando anche del goal annullato a Pesenti per fuorigioco. Il TeLiMar, però, non ci sta e si rifà sotto, prima con Giliberti che segna in diagonale su uomo in più a 6’10, poi con Fabiano che firma le due reti, entrambe in superiorità numerica, che portano il sette dell’Addaura sul 5-3. A 2’51 i padroni di casa allungano ancora con Pesenti, con il parziale che si chiude sul 6-3.

La seconda metà del match vede il TeLiMar tentare diverse volte di allungare ancora, ma sono gli avversari a segnare per primi e lo fanno con Romiti dal centro per il 6-4. Botta e risposta tra le due squadre con Lo Dico per il 7-4 a 4’10 e Calcaterra in superiorità per il 7-5. Poi, è tutto TeLiMar, con Giliberti su uomo in più per l’8-5, con Fabiano a uomini pari per il 9-5 e anche con Lisica, che aggiunge la sua firma sul tabellino con il goal del 10-5.

L’ultimo quarto conferma l’ottima condizione del club dell’Addaura, che si porta sul 12-5 con le reti di Di Patti e Lo Dico. Il Civitavecchia tenta un timido avvicinamento con Castello in superiorità a 4’15. Il 13-6 porta la firma di Di Patti, alla tripletta personale di giornata. La partita è ancora lunga, con Geloso a 2’20 per il 14-6. A nulla può la rete di Checchini del 14-7 a 1’37. Il match si chiude con la tripletta personale del classe ’99 Andrea Giliberti, in superiorità, per il definitivo 15-7.

Da registrare l’espulsione di Tuscano (TeLiMar) per limite di falli nel quarto tempo.

“Siamo molto soddisfatti della prova odierna. Stiamo consolidando una struttura difensiva attenta, disciplinata e fondata sul sostegno reciproco - commenta Lino Mesi, Direttore Sportivo TeLiMar -. Inoltre, in attacco abbiamo continuato a gestire bene e con maturità tutti i palloni senza forzare laddove non necessario, ottenendo anche oggi come sabato scorso una percentuale di superiorità numerica più che buona. Quello che più ci è piaciuto e che ci incoraggia è l’approccio alla gara: perfetto da parte di tutti. Con enorme piacere, dopo quasi due anni di assenza per un brutto infortunio, oggi è ritornato a lottare in acqua Antonio Tuscano, recuperato al 100%. Infine, mi corre l’obbligo di ringraziare il Cus Palermo, che ci ha ospitato solo questa settimana per 2 volte nel suo magnifico impianto, causa la indisponibilità della piscina Olimpica”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X