PALERMO

"Nessuna irregolarità": assolta direttrice di clinica estetica

di

PALERMO. Il giudice monocratico ha assolto "perché il fatto non sussiste" Lidia Perrone, direttrice del Centro di clinica estetica Ippocrate di Palermo finito nel mirino della Procura per presunte irregolarità nel 2012 e poi chiuso.

Secondo l’accusa, avrebbero potuto eseguire solo piccole prestazioni ambulatoriali, nella pratica avrebbero fatto di tutto, dalla ricostruzione del seno a quella di naso e labbra. L’avvocato di Lidia Perrone, Stefano Santoro, ha però dimostrato l’insussistenza delle accuse perché il centro avrebbe avuto l’autorizzazione per eseguire gli interventi e non c’era nessuna irregolarità.
L' indagine prende le mosse da un' ispezione dei carabinieri del Nas nella struttura di via Nunzio Morello numero 10, nell' ambito di una maxi-operazione su protesi mammarie fuori legge. Nella clinica sotto accusa sono arrivati anche gli ispettori dell' assessorato alla Salute, che ha collaborato coi militari per far venire a galla la vicenda e ha chiesto l' immediata revoca dell'autorizzazione concessa nel 2008 dall'Asp di Palermo.

La struttura operava da oltre 15 anni nel settore della medicina estetica.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X