IL DISEGNO DI LEGGE

Codice etico, l'esame slitta ancora all'Ars. Musumeci: fiducioso

PALERMO. C'è qualcuno all'Ars che non vuole il codice etico? È l'interrogativo che aleggia a Palazzo dei Normanni da alcuni giorni tra i sostenitori della norma.

Il disegno di legge, approvato nei mesi scorsi dalla commissione regionale Antimafia presieduta da Nello Musumeci, è al secondo punto dell'ordine del giorno dei lavori parlamentari subito dopo il ddl sugli Urega.

Ma l'esame di entrambe le norme slitta ormai da tempo per mancanza del numero legale a sala d'Ercole, anche la seduta di oggi è stata rinviata dal presidente Giovanni Ardizzone dopo aver preso atto dell'esiguo numero di parlamentari tra i banchi.

Intanto però l'aula ha incardinato il ddl sul rinvio delle elezioni di secondo livello nei Liberi Consorzi e nelle città metropolitane. E del codice etico, pur rimanendo all'ordine del giorno, non se ne parla.

«Sono fiducioso che prevarrà il senso di responsabilità fra tutti i colleghi, anzi quasi tutti», afferma il presidente Musumeci. Se ne riparlerà la prossima settimana, l'aula tornerà a riunirsi martedì prossimo.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X