LE INDAGINI

Omicidio di Falsomiele, l'unica indagata verso il processo

di
duplice omicidio falsomiele, Adele Velardo, Carlo Gregoli, Giuseppe Vela, Vincenzo Bontà, Palermo, Cronaca
Adele Velardo, accusata dell'omicidio di Vincenzo Bontà e Giuseppe Vela

PALERMO. Dopo il suicidio del marito Carlo Gregoli in carcere, Adele Velardo è rimasta l'unica indagata per l'omicido di Vincenzo Bontà e Giuseppe Vela, uccisi a Villagrazia di Palermo il 3 marzo scorso.

Adesso il pm Claudio Camilleri ha chiuso le indagini e Velardo rischia il processo per omocidio volontario premeditato. La donna, che si è sempre dichiarata innocente, è caduta nello sconforto dopo il suicidio del marito. Proprio a causa della depressione, il mese scorso il gip Lorenzo Jannelli le ha concesso gli arresti domiciliari dopo 9 mesi di detenzione in carcere. A chiedere la sostituzione della misura cautelare sono stati gli avvocati della donna, Marco Clementi e Paolo Grillo.

Secondo la ricostruzione degli investigatori della squadra mobile avrebbero ucciso Vincenzo Bontà, proprietario del terreno di fronte alla loro villa, insieme al bracciante Giuseppe Vela, per un presunto furto d’acqua anche se il movente non è chiaro. Il delitto si consumò in strada, in via Falsomiele, proprio a pochi passi dalla villa dei Gregoli.

La coppia in casa aveva diverse armi. A portare gli inquirenti, inizialmente indirizzati sull'omicidio mafioso visto che Bontà era genero di un noto capomafia, Giovanni Bontade, alla coppia di insospettabili furono le immagini di una telecamera piazzata nella zona del delitto e le rivelazioni di un testimone oculare.

Un ignaro passante che ha prima udito le esplosioni, poi dallo specchietto retrovisore dell'auto su cui viaggiava ha assistito alla fase finale del delitto: quella in cui Gregoli avrebbe sparato alla nuca a Bontà, già ferito e inerme a terra.

L'esame del Dna conferma che a sparare sarebbe stato Carlo Gregoli, fermato due giorni dopo il delitto. Dalle analisi, effettuate dalla squadra mobile di Palermo diretta da Rodolfo Ruperti, è emerso che su un bossolo trovato a terra c'era il dna di Gregoli.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X