PALERMO

Operaio Fincantieri licenziato, l'azienda: "Si è addormentato 3 volte"

Il sindacato Fiom: "L'uomo è reduce da un infarto". L'azienda palermitana: "Condotta reiterata"

PALERMO. «Fincantieri licenzia un operaio addetto al magazzino, reduce da un infarto. E scoppia la protesta: proclamato per oggi per tutti i turni di lavoro, uno sciopero di 8 ore, per manifestare solidarietà a Giuseppe Muzio, 41 anni, che ieri ha ricevuto la lettera di licenziamento». Lo rende noto la Fiom che chiede l'immediato reintegro dell'operaio e denuncia «un clima poco sereno dentro il cantiere, con quotidiane contestazioni da parte della sorveglianza nei confronti dei lavoratori del Cantiere e dell'indotto».

Racconta il sindacato:«Muzio, tubista, assunto da Fincantieri 11 anni e mezzo fa, nel novembre del 2010 si sente male a bordo della Vincenzo Florio. Durante il ricovero, ha un infarto. E resta in ospedale per tre mesi. Rientrato al lavoro, i medici valutano il suo stato e viene deciso il suo demansionamento da saldatore a magazziniere. Cinque mesi fa una nuova visita medica lo riabilita, e Muzio torna, su decisione dell'azienda, nel reparto saldatura. Il lavoratore, dopo il trasferimento, assistito dalla Fiom, fa opposizione all'Asp. E L'Asp lo giudica inidoneo per il suo stato a una mansione usurante come la saldatura. Viene chiesto pertanto all'azienda di integrarlo al lavoro in una mansione consona. Muzio viene quindi spostato di nuovo in magazzino. Il 15 aprile, il datore di lavoro gli impone di cambiare turno. Dal turno delle 14-22 passa così al turno di notte. E una notte Giuseppe Muzio sta male, viene visitato in infermeria. E torna al suo lavoro. Tre sorveglianti e un capo reparto dichiareranno di averlo trovato che dormiva».

«Si è giustificato dicendo che stava male, che in infermeria gli avevano dato il farmaco per abbassare la pressione. Non è servito. Ieri gli hanno consegnato la lettera e a mezzogiorno l'hanno messo alla porta, è stato allontanato come un delinquente - dichiarano Francesco Foti, Serafino Biondo e Giuseppe Pirrotta, Rsu Fiom Cgil ddi Fincantieri - Questo è quello che avviene dentro il cantiere quotidianamente: ci sono 200 contestazioni impugnate all'ufficio del lavoro. Una situazione di pressione sul nostro lavoro insostenibile».

«Il dipendente è stato licenziato perchè trovato a dormire sul posto di lavoro. La risoluzione del rapporto è scattata in quanto tale comportamento precedentemente era già stato contestato al lavoratore altre due volte. Nella circostanza che ha portato al licenziamento, la porta del locale in cui il lavoratore prestava servizio era chiusa a chiave dall'interno, e le tendine a veneziana dell'ufficio erano state abbassate in modo tale da precludere la vista dall'esterno». Lo dice una nota di Fincantieri riferendosi al dipendente licenziato nel cantiere navale di Palermo. «'Tale condotta - prosegue - per giunta reiterata, oltre ad essere in palese contrasto con i più elementari obblighi di correttezza e buona fede, ha quindi fatto venir meno il rapporto fiduciario alla base di qualsivoglia prestazione lavorativa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X