L'INDAGINE

Baby squillo a Palermo, un computer sequestrato fa tremare 30 clienti

di
Già dieci finiti sotto inchiesta, investigatori a caccia degli altri trenta

PALERMO. Dieci clienti della «baby squillo» di 16 anni già indagati per favoreggiamento della prostituzione minorile, adesso è caccia aperta agli altri «insospettabili» con il vizietto del sesso proibito. Sono soprattutto professionisti, imprenditori e commercianti. Trenta uomini. Portafogli d'élite, ma abitudini parecchio malsane.

I poliziotti della Squadra mobile, diretti da Rodolfo Ruperti, lavorano su una lista a luci rosse che sta facendo tremare i salotti della città. L’attenzione degli investigatori è concentrata su un computer con filmati pornografici, ma anche su alcuni numeri di telefono. Materiale sequestrato a Dario Nicolicchia, 30 anni, l’allora fidanzato della ragazza finito in carcere con l’accusa di avere guadagnato soldi «sfruttando i rapporti sessuali della giovane» con uomini alla ricerca di emozioni proibite su un corpo poco più che adolescente. L’analisi dei video e delle utenze a breve potrebbe incastrare i clienti che mancano all’appello.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X