LA DIFESA

Duplice omicidio, il legale della coppia fermata: ancora tutto da chiarire

omicidio falsomiele palermo, Adele Velardo, Carlo Gregoli, Vincenzo Bontà, Palermo, Cronaca
Carlo Gregoli e Adele Velardo

PALERMO. "Il caso è tutt'altro che pacifico e risolto. E' un classico caso da romanzo giallo. L'apparente consistenza degli indizi a carico contrasta con tutto il resto. In primo luogo l'assenza assoluta di movente. La lite per confini è inesistente e sarebbe veramente pazzesco se così fosse". Lo dice Aldo Caruso, l'avvocato dei coniugi Carlo Gregoli e Adele Velardo accusati di avere ucciso ieri in via Falsomiele Vincenzo Bontà e Giuseppe Vela.

"La dinamica è tipica di un delitto di mafia - aggiunge Caruso - Stiamo parlando di una famiglia perbene e di incensurati. Lui geometra comunale rispettato, lei possidente assolutamente estranea a certi ambienti. Se io voglio uccidere qualcuno esco da casa con mia moglie in macchina, consumo l'omicidio a dieci metri distanza dalla mia abitazione. Anche la storia della depressione non torna. E' una cosa vecchia del 2012 già curata".

Duplice omicidio di Falsomiele, ecco chi sono i fermati - Nomi e foto

"Anche il supertestimone vede un uomo dallo specchietto retrovisore. E' chiaro che c'è il video e si vede passare le due auto. - conclude -. Può essere che i coniugi hanno visto sparare e sono fuggiti per paura e tacciono per motivi ambientali. Io andrei con molta cautela nel trovare i colpevoli. Quanto si chiudono le indagini così in fretta l'errore giudiziario è dietro l'angolo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X