Concerto a Palermo per Eleonora, "la ragazza con la chemio nella borsetta"

PALERMO. Si terrà domani alle 21 al Teatro Finocchiaro il concerto-salotto “Le musiche di Futura”, per commemorare, ad un anno esatto dalla sua morte, “La ragazza con la chemio nella borsetta”, nome del blog per cui era conosciuta la psicologa trentenne palermitana Eleonora Letizia Futura Marsala.

Ingresso gratuito ad inviti, fino ad esaurimento posti, ritirabili presso l’associazione Arcaverde, in via Luigi Manfredi 2/G, quartiere Oreto Stazione. Sul palco Aida Satta Flores, ideatrice del progetto, Lello Analfino, Stefania Blandeburgo, il duo comico Toti e Totino, Cristiano Pasca delle Iene e la giovane cantautrice Giulia Catuogno. Interverranno anche il giornalista Daniele Billitteri, l’oncologo Nicola Borsellino che ha seguito Eleonora nei tre anni della sua malattia, ed il direttore del centro socio educativo Eleonora Marsala, Alfredo Stabile, che sostiene il progetto.

Lo spettacolo sarà preceduto, alle ore 9 del mattino, da un torneo di calcio a sette, categoria pulcini. Il primo Memorial Eleonora Marsala, si svolgerà presso il Campo di Marte in via Dell’Olimpo e coinvolgerà alcune scuole calcio palermitane. Per il Memorial, il Palermo Calcio ha donato, due maglie della prima squadra che saranno messe all’asta ed il ricavato sarà destinato ai bambini del Centro Eleonora Marsala. Il progetto, ha ricevuto il patrocinio della Regione siciliana, assessorato Turismo, sport e spettacolo, della presidenza del Consiglio comunale di Palermo.

Il centro socio educativo Arcaverde, esiste già da cinque, ed è nato da un bene confiscato alla mafia, e la Marsala vi aveva collaborato come psicologa. Il 21 marzo 2015, ad un mese dalla sua scomparsa, la decisione di intitolarlo a lei. Tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, dalle ore 15.30 alle ore 19.30, il centro si occupa dei bambini con criticità sociali del quartiere Oreto Stazione, e non solo, con attività di doposcuola e di svago, ludico ricreative e di laboratorio. È rivolto a minori di diverse etnie, come spazio di studio ed integrazione sociale.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X