Palermo, Cronaca
NOMI E FOTO

Droga a domicilio, blitz tra Palermo e Termini: 17 misure cautelari

di

PALERMO. E’ in corso dalle prime ore dell’alba una vasta operazione antidroga tra i comuni di Termini Imerese e Palermo, che vede la partecipazione di un centinaio di Carabinieri della Compagnia di Termini Imerese, all’esito di un’articolata attività investigativa convenzionalmente denominata “AQUARIUM 2” e coordinata dalla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale.

I militari dell’Arma stanno eseguendo 6 ordinanze di custodia cautelare in carcere, 5 agli arresti domiciliari e 6 misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, emesse dal G.I.P. presso il Tribunale di Termini Imerese, nei confronti di altrettanti soggetti responsabili a vario titolo di: detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo “cocaina”, “hashish”, e “marijuana”. I prezzi della droga variavano a seconda del servizio chiesto allo spacciatore che applicava una maggiorazione nel caso di consegna a domicilio.

L'ordinanza cautelare in carcere è stata emessa dal gip di Termini Imerese per Francesco Gazzano, di Termini Imerese, 28 anni, Rosolino Lo Monaco nato a Palermo e residente a Misilmeri, 47 anni, Vincenzo Lo Monaco, nato a Palermo, 41 anni, Alessandro Selvaggio, 45 anni, di Palermo, Vito Russo, 48 anni, nato a Palermo già detenuto per un altro procedimento penale, Pietro Marsalone, 40 anni, di Palermo.

Enlarge Dislarge
1 / 11

Rosario Cozzo

Rosario Cozzo

Francesco Gazzano

Francesco Gazzano

Rosolino Lo Monaco

Rosolino Lo Monaco

Vincenzo Lo Monaco

Vincenzo Lo Monaco

Antonino Longo

Antonino Longo

Pietro Marsalone

Pietro Marsalone

Micheal Russo

Micheal Russo

Vito Russo

Vito Russo

Alessandro Selvaggio

Alessandro Selvaggio

Alessandro Adelfio

Alessandro Adelfio

Salvatore Cordaro

Salvatore Cordaro

Gli arresti domiciliari sono scattati per Rosario Cozzo, 27 anni, di Termini Imerese, Micheal Russo, 20 anni di Termini Imerese, Alessandro Adelfio, 30 anni, di Palermo, Antonino Longo, 28 anni, di Palermo, Salvatore Cordaro, 44 anni, nato a Palermo residente a Ficarazzi. L'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria Christian Nicolosi, 24 anni, di Termini Imerese, Lorenzo Costantino, 29 anni, Termini Imerese, Michele Azzarello, 31 anni, nato a Petralia Sottana, residente a Termini Imerese, Claudio Candioto, 29 anni, di Termini Imerese, Antonino Di Gloria, 30 anni, di Termini Imerese, Tiziana Arrigo, 22 anni, di Termini Imerese.

La droga veniva venduta anche ai giovanissimi termitani. E' proprio dal passaggio di una dose di hashish ad minorenne che nel novembre del 2013 sono scattate le indagini che hanno portato ai provvedimenti dell'operazione Aquarium 2.

Le basi dello spaccio erano sia Termini Imerese che via del Bassotto nel quartiere Bonagia a Palermo. I due grossi nuclei, termitano e palermitano, utilizzavano anche i social network per le ordinazioni. Mezzi di comunicazione ritenuti più sicuri dei cellulari, soprattutto se la droga, cocaina, hashish e marijuana, veniva chiamata "birra" o "poker". I pusher non sapevano di essere controllati. Così, ignari, continuavano ad utilizzare attività commerciali per vendere la droga.

Come Rosario Cozzo, di Termini Imerese, chiamato "Ortofrutta", perché al centro del paese aveva un negozio base dello spaccio. Per organizzare la vendita utilizzava un telefono pubblico vicino alla bottega. Attorno a lui secondo l'indagine dei carabinieri coordinata dalla procura di Termini Imerese, diretta da Alfredo Morvillo, sono finiti un gruppo agguerrito di giovani che controllava il mercato di droga.

Tra loro c'era Lorenzo Costantino, Claudio Candioto, Antonino Di Gloria. Tiziana Arrigo, Christian Nicolosi, Michele Azzarello, Francesco Gazzano. Il gruppo termitano trovava i propri fornitori a Palermo, tra lo Sperone, Bonagia e Villagrazia. A Palermo la gestione dello spaccio era familiare. Con i fratelli Lo Monaco, Vincenzo e Rosolino, e i cognati Alessandro Adelfio e Antonino Longo.

I due utilizzavano lo stesso numero per le ordinazioni di droga. Vincenzo Lo Monaco, secondo i militari proseguiva l'attività nonostante fosse sottoposto al trattamento di semilibertà, potendo uscire dal luogo di detenzione dalle 7 alle ore 21.30. Il tariffario degli spacciatori variava non solo per il tipo di sostanze ma anche se la droga venisse consegnata a domicilio. C'era la maggiorazione per i costi di spostamento e il rischio di essere beccati dalle forze dell'ordine.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Palermo: i più cliccati