pallanuoto, serie a2, telimar, Palermo, Sport
SERIE A2

Pallanuoto, il Telimar lotta in casa ma cede nel finale alla Roma

PALERMO. Il risultato non rende merito all'impegno. A Palermo finisce 7-10 la sfida tra il TeLiMar e la Roma Nuoto nella settima giornata del Campionato Nazionale di Pallanuoto Maschile di Serie A2 Sud. La capolista non brilla, mentre i padroni di casa, seppur con una giovane formazione, riescono a tener testa agli ospiti fino a metà del terzo parziale, cadendo solo sul finale.

Inizio molto dinamico della partita, con i romani subito aggressivi. È il TeLiMar, però, a sbloccare il risultato con Fabiano che segna l'1-0 a 5'01 dal termine del primo parziale. I padroni di casa raddoppiano a 3'09 in superiorità con un gran tiro del Capitano Fabrizio Di Patti. Gli ospiti accorciano le distanze sul 2-1 che chiude il primo quarto di gioco con Africano, che rimasto solo davanti al portiere non sbaglia.

Il secondo tempo si apre con la rete del bomber di casa, Ciccio Lo Cascio che realizza il 3-1 su assist di Trebino. È di nuovo Lo Cascio a 5'18 dal termine del parziale a permettere al TeLiMar di allungare ulteriormente sul 4-1, grazie anche ad un'ottima prestazione di Serrentino tra i pali. Sul capovolgimento di fronte, però, è Obradovic a segnare il goal del 4-2. Lo Cascio, oggi in grande spolvero, segna la rete del 5-2. A 1'49 dal termine la Roma Nuoto si avvicina ancora, con un goal di Gianni in superiorità numerica.

In avvio della seconda metà di gioco, rigore trasformato da Letizi per la Roma Nuoto, che aggiorna il risultato sul 5-4. Il pareggio arriva a 4'13, con Faraglia che segna ad uomini pari. Il TeLiMar non ci sta e passa di nuovo avanti con Lo Cascio per il 6-5. La Roma continua ad attaccare, ma soltanto sul finale del terzo parziale raggiunge i ragazzi dell'Addaura sul 6-6 con Faiella.

L'ultimo quarto vede continuare l'impegno corale messo in campo dal TeLiMar che si porta sul 7-6 con il Capitano Di Patti, che segna in superiorità numerica. I romani, però, prima pareggiano, poi si portano in vantaggio con due reti di Gianni e Africano, entrambe in superiorità. Infine, allungano con Obradovic che segna le reti del 7-9 e del definitivo 7-10.

Da registrare l'espulsione diretta di Luca Fiorillo (Roma Nuoto) per brutalità nel secondo parziale, l'espulsione per proteste di Fabiano (TeLiMar) nel quarto tempo e le espulsioni per limite di falli di Africano e Faiella (Roma Nuoto) nel quarto parziale.

Il Presidente Marcello Giliberti: "Sono soddisfatto della grintosa prestazione dei miei ragazzi, che hanno lottato dall'inizio fino alla fine di questa partita, giocata alla pari contro una squadra ben più piazzata, ma che non ha dimostrato di meritare il posto che occupa in classifica. Nella fase finale dell'incontro, due espulsioni temporanee alquanto dubbie fischiateci contro hanno condizionato il match. Il risultato non fotografa l'esatto andamento della partita, che meritavamo di vincere. Ho un unico rammarico, quello per il comportamento antisportivo e anti-campanilistico notato a bordo vasca da parte di alcuni atleti delle giovanili di un'altra compagine cittadina, che esultavano ad ogni goal della Roma Nuoto".

Il Tabellino
TeLiMar: 1. Serrentino, 2. R. Di Patti, 3. Galioto, 4. F. Di Patti (2), 5. Lo Dico, 6. C. Geloso, 7. Trebino, 8. D. Geloso, 9. Lo Cascio (4), 10. Calabrese, 11. Fabiano (1), 12. A. Giliberti, 13. Radicello - Allenatore: Ivano Quartuccio

Roma Nuoto: 1. Washburn, 2. De Michelis, 3. Faraglia (1), 4. L. Fiorillo, 5. Gianni (2), 6. Navarra, 7. Spione, 8. Moroni, 9. Lapenna, 10. Obradovic (3), 11. Africano (2), 12. Letizi (1 su rigore), 13. Faiella (1) - Allenatore: Mario Fiorillo

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Palermo: i più cliccati