Palermo, estorsioni e droga allo Zen: pene per 120 anni - Nomi e foto

PALERMO. Gli affari della famiglia mafiosa e un vasto giro di droga gestiti dalla sua villa abusiva in via Pescia allo Zen 2 di Palermo. Per Guido Spina, due dei suoi figli, uno dei suoi generi, la moglie ed altre dodici persone - tutte individuate con l'operazione "Fiume" del 18 giugno del 2014- sono arrivate condanne pesanti, come si legge in un articolo di Sandra Figliuolo sul Giornale di Sicilia in edicola.

Per altri due imputati, Salvatore Vitale (difeso dall' avvocato Massimiliano Russo) e Letterio Maranzano (assistito dall' avvocato Angelo Formuso), è arrivata invece l' assoluzione e dunque anche la scarcerazione. Le pene più pesanti, vent'anni di reclusione, per Spina e per Vincenzo Cosenza. Nella fotogallery i volti di tutti i condannati e la pena inflitta.

 

 

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER ALTRI PARTICOLARI ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X