PALERMO

Circhi e migranti irregolari, arresti "copia e incolla": liberi 20 indagati

di

Sono alcuni dei 55 coinvolti nell’inchiesta su circhi e immigrazioni irregolari. Altri potrebbero ottenere l’annullamento

black circus, false assunzioni, immigrati, Palermo, Cronaca

PALERMO. L’ordinanza del giudice riporta integralmente e testualmente la «richiesta di convalida di fermo», con l’intestazione «Procura della Repubblica» e, «421 pagine dopo», persino le firme dei pubblici ministeri.

Il tribunale del riesame boccia il copia e incolla e dichiara nulle le ordinanze con cui il Gip Agostino Gristina, tra novembre e il mese scorso, aveva trasformato in arresti i fermi di 55 persone, coinvolte nell’operazione Golden Circus, oggi chiamata in un altro modo (Black Circus), per non creare confusione con un festival organizzato da Liana Orfei, completamente estraneo a questa storia di immigrazione irregolare di stranieri, grazie a falsi permessi per farli lavorare proprio nei circhi.

Il paradosso ulteriore di questa storia è che a beneficiare di questa decisione sono state solo le circa venti persone che si sono rivolte al tribunale del riesame: le altre rimangono in carcere o ai domiciliari. Ma il provvedimento cautelare è nullo pure per loro e in teoria dovrebbe bastare un’istanza al nuovo giudice che seguirà l’indagine, dato che Gristina è andato in pensione alla fine del 2015.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

Scopri di più nell’edizione digitale

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Palermo: i più cliccati