PALERMO

"Irregolarità edilizie nella nuova multisala": indagati funzionari comunali

di

PALERMO. Gli indagati sono cinque e tre sono funzionari comunali. Ci sono poi l' imprenditore che rappresenta la società committente e il direttore dei lavori. Abuso d' ufficio e violazioni edilizie per una «macroscopica alterazione della sagoma del nuovo edificio», cui fa da contraltare la «realizzazione di una copertura in forma piana», per la costruzione di un posteggio, in contrasto con la vecchia, «a volta cilindrica»: è l' intreccio di contestazioni che sono state mosse dal pm Daniele Paci e dal Gip Agostino Gristina, nell'ambito della vicenda del nuovo cinema multisala di Tommaso Natale, progettato al posto dell' ex stabilimento della Coca Cola.

Il mese scorso, come anticipato dal Giornale di Sicilia, il sequestro delle opere e dell' area: adesso, dopo la conferma del provvedimento da parte del tribunale del riesame, si delineano le accuse e i ruoli di ciascuno degli indagati.

Sotto inchiesta sono Santo Giuseppe Lanzafame, catanese di 73 anni, legale rappresentante della società committente, la Maxcine srl (subentrata alla Movieplex), il direttore dei lavori Adriano Canepa, di 60 anni, e tre dipendenti comunali, in servizio allo Sportello unico per le attività produttive: sono le dirigenti Maria Mandalà, di 52 anni, e Alessandra Autore, di 54, indagate con Andrea Schirò, responsabile del procedimento, 61 anni. L' inchiesta è condotta dai vigili urbani.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X