LA POLEMICA

Rifondazione comunista: il Comune di Palermo riveda le Ztl

PALERMO. A Palermo alcuni esponenti di Rifondazione comunista, il partito dell'assessore comunale alla Mobilità Giusto Catania, si schierano contro le scelte dell'amministrazione sulle Zone a traffico limitato, finalizzate a «far cassa» (i cittadini per accedere dovranno essere muniti di un pass da 100 euro ndr) e in un documento chiedono «una radicale del provvedimento della giunta prima che venga approvato dal consiglio comunale».

Non solo, accusano «la giunta comunale di aver varato a Palermo il piano per la istituzione delle Zone a traffico limitato, riproponendo il medesimo piano della giunta Cammarata, con le identiche delimitazioni territoriali, che era stato bocciato dal Tar per l'insussistenza del piano urbano del traffico».

«Se da un lato - scrivono - è condivisibile l'idea di creare le Ztl, per preservare la salute dei cittadini, tutelare ambiente, abbassare il tasso di inquinamento in città, noi firmatari esponenti a vario titolo del Prc, affermiamo la nostra contrarietà a un provvedimento che così come formulato dalla giunta appare assolutamente inidoneo a realizzare lo scopo dichiarato di diminuire l'inquinamento, il cui livello resterà elevato, ma appare invece utile esclusivamente a fare cassa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X