PALERMO

Boss di Villagrazia nel mirino, confiscata villa a Capizzi

di
Le indagini patrimoniali sono iniziate nel corso dell’operazione “Perseo” che nel dicembre del 2008 porto all’arresto di 99 persone, molte delle quali ritenute ai vertici di Cosa Nostra

PALERMO. Sono stati confiscati i beni al boss Benedetto Capizzi, 71 anni, reggente del mandamento di Villagrazia e Santa Maria di Gesù finito in carcere nell’operazione Perseo. I beni ammontano a 5 milioni di euro. Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione, del Tribunale di Palermo. Le indagini sono state condotte dai carabinieri. Al boss è stata confiscata una villa a tre elevazioni fuori terra, residenza dello stesso e del proprio nucleo familiare, già sequestrata che sarebbe stata  intestata, secondo le indagini dei militari ad prestanome compiacente.

Le indagini patrimoniali sono iniziate nel corso dell’operazione “Perseo”. Che nel dicembre del 2008 porto all’arresto di 99 persone, molte delle quali ritenute ai vertici di Cosa Nostra. Dagli accertamenti è emerso che Benedetto Capizzi dal carcere, dopo due condanne all’ergastolo nel 2006 e nel 2008, continuava non solo ad essere il reggente del mandamento di Villagrazia – Santa Maria di Gesù, ma aveva anche l’intenzione dopo gli arresti di Salvatore e Sandro Lo Piccolo, di ricostituire la Commissione Provinciale di “Cosa Nostra” e di porsi al suo vertice. Emblematiche risultano le conversazioni con il figlio, tramite il quale il Benedetto Capizzi impartiva le direttive per la gestione della famiglia e al quale perentoriamente raccomandava: “Se qualcuno vuole alzare la “cricchia” se la cali perché ci lascia la pelle, chiaro?...Pugno duro, hai capito? Pugno duro con tutti!”.

Interessante ai fini delle indagini la conversazione in una riunione di mafia tra Giovanni Adelfio, Giuseppe Scaduto e Sandro Capizzi, in occasione della quale, secondo gli accordi presi dallo Scaduto con Benedetto Capizzi, venivano definiti alcuni tra gli aspetti salienti della Commissione Provinciale di “Cosa Nostra”: “…all’ultimo ci sediamo e cerchiamo di fare una specie di Commissione all’antica…cinque, sei, otto cristiani come si faceva una volta e quindi la responsabilità se dobbiamo fare una cosa ce l’assumiamo tutti”.

ECCO TUTTI I BENI CONFISCATI

I beni confiscati a Benedetto Capizzi sono un impresa individuale denominata «Tafuri Maria» con sede a Palermo. Un'impresa individuale di sbancamento terra, demolizione edifici denominata «Capizzi Maria Rita» con sede in Altofonte in provincia di Palermo. Un'impresa di sbancamento terra e demolizioni denominata «Capizzi Antonino Gioacchino» con sede in Altofonte. L'intero capitale sociale e complesso beni aziendali della società «Meditin di Capizzi Antonino & c. s.n.c.», con sede in Palermo, ditta nel settore dell'edilizia e dei trasporti merci. Un fabbricato composto da più capannoni adibiti ad attività commerciali ed artigianali, a Palermo. Un immobile composto da un fabbricato costituito da tre elevazioni fuori terra e un fabbricato costituito da una elevazione fuori terra, a Palermo. Una villa unifamiliare sita in Campofelice di Roccella (PA). Un'autovettura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X