LA POLEMICA

Zamparini, contrattacco a Ferrero: "E' folle, nessuna minaccia di morte. Ora lo denuncio io"

Il presidente del Palermo replica alle accuse del patron della Sampdoria

PALERMO. Non si è fatta attendere la replica del presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, alle accuse del collega della Sampdoria, Massimo Ferrero di ieri sera. In ballo la questione del trasferimento a fine stagione di Edgar Barreto in blucerchiato. Ferrero davanti ai microfoni ha affermato di aver ricevuto minacce di morte da Zamparini per sms. Il presidente rosanero nega con fermezza queste dichiarazioni e passa al contrattacco: “È folle, non l'ho mai minacciato di morte. Ho i messaggi conservati, presenterò tutto in federazione e sarò io a denunciare lui. Io gli ho solo detto di non parlare con Barreto nel momento in cui stavo trattando il rinnovo. Gli ho scritto ”bravo, ti aspetto sulla riva del fiume”. E non era certo una minaccia", ha dichiarato il patron rosanero a La Gazzetta dello Sport.

Queste, invece, le parole di Ferrero contro Zamparini di ieri sera al termine del derby di Genova tra Samp e Genoa. "Zamparini chiacchiera troppo, io manco lo conosco, l'avrò vista mezza volta. Mi minaccia di morte, mi dice che sono uno sciacallo per questa storia di Barreto. Se lui rivedesse la sua storia a ritroso per vedere quello che ha fatto negli anni se ne starebbe zitto". Intervistato da Mediaset Premium al termine del derby di Genova, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero risponde per le rime al collega che lo aveva attaccato sostenendo che Barreto non ha voluto rinnovare il contratto con i rosanero perchè avrebbe già un accordo con il club doriano.

"Mentre ero a Sanremo l'ho chiamato per avvisarlo che stavo sentendo Barreto - continua Ferrero -, lui lo sapeva eccome, ma ora se ne esce e mi dà dello sciacallo. Ma è un po' vecchio, se poi si sente male mi piace: forse se ha problemi è meglio che vada più spesso a Santa Rosalia...".

Ferrero ha rincarato la dose, attaccando ancora Zamparini dai microfoni di Sky. "Zamparini mi ha definito sciacalletto? Mi ha minacciato di morte, mi ha insultato - ha detto il presidente della Samp -. Io ho preso tre mesi per aver detto 'filippino' a Thohir che era indonesiano, la giustizia sportiva ora intervenga. Se ha qualcosa da dirmi venga a farlo di persona, altrimenti cosi cerca solo visibilità perché sa che a nominare Ferrero si finisce in tv. Mi ha offeso, mandato messaggi minatori, è un uomo 'vintage'. Zamparini deve farsi un esame di coscienza e vedere quanti calciatori ha tolto in modo poco elegante ad altre squadre, ora penserà la giustizia sportiva".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X