DAI LETTORI

Dalle periferie al centro,
ecco le discariche perenni nate lungo le strade di Palermo

Pubblichiamo gli sms e le e-mail inviati a Ditelo a Rgs (in onda da martedì a sabato su Tgs e Rgs, vedi la pagina dei programmi TV) e alla pagina del Giornale di Sicilia su Facebook. Il numero accanto ai titoli indica le segnalazioni pervenute

Rifiuti/550

Luisa

da via del Sagittario

Ecco ciò che vediamo dal balcone di casa nostra! Nonostante si paghino le tasse regolarmente, quest’area è un’area comunale... perché il comune non effettua una bonifica creando una piccola villetta o altro? C’è gente che fa i propri bisogni tranquillamente all’interno dell’area verde. Sono indignata di essere una cittadina palermitana.

Sms firmato

dal Villaggio Santa Rosalia

Nella zona del Civico e del Villaggio Santa Rosalia ci sono cumuli di sporcizia ovunque. In molte strade lo spazzamento non viene effettuato da tempo, molto tempo. È davvero una cosa incomprensibile che pur essendoci una nuova società, una nuova gestione ci siano sempre gli stessi problemi e a pagare siamo sempre noi, i cittadini onesti.

Maurizio Castagnetta

da via Puglisi

Diventa un grande problema questa strada se la Rap interviene una volta ogni due mesi. È normale che diventi una discarica enorme? Il servizio deve essere effettuato almeno due giorni alla settimana, o mettiamo le telecamere. Non se ne può più, si deve trovare qualcosa di concreto, ora arriverà l’estate e dobbiamo avere paura dei ratti, scarafaggi, e zecche, e non c’è vigilanza. Siamo in via Salvatore Puglisi.

(La Rap offre nuovi servizi per contrastare il fenomeno dell’abbandono illecito di rifiuti ingombranti. Il nuovo servizio di ritiro a domicilio, che prevede la gratuità del ritiro per cittadini, scuole ed enti non profit fino a tre pezzi, è infatti adesso prenotabile anche online, tramite il sito dell’azienda www.rapspa.it. Tramite il portale è possibile richiedere il ritiro di un massimo di tre pezzi fra ingombranti (mobili, materassi, sedie, ecc), rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (dal piccolo hard-disk fino ai grandi elettrodomestici), oggetti di metallo, legno, plastica o vetro particolarmente ingombranti. Per info: 800.237713 da rete fissa, oppure 091.6491303 da rete mobile)

Buche/113

Roberto

da piazza Indipendenza

Avete visto come è ridotta la nostra città. Non c’è strada che si salvi da buche e avvallamenti. Un vero e proprio percorso a ostacoli che rischia di mettere in pericolo la macchina ma anche chi è a bordo. Specialmente i più piccini. Cosa si aspetta per intervenire. Per fare un esempio, percorrete la zona di piazza Indipendenza e della cattedrale, solo così potete farvi una chiara idea di quello che passano gli automobilisti e i malcapitati motociclisti.

Vittorio Napoli

da via Notarbartolo

Via Notarbartolo è vietata ai motori e agli scooter. Troppe voragini... Sì, quelle che ci sono non sono buche. Provate a passare dopo la stazione ferroviaria e vi rendete conto del pessimo stato in cui si trova l’asfalto.

Strisce pedonali/11

Maurizio Alesi

da via Goethe

Attraversare la via Goethe, proprio di fronte il Palazzo di Giustizia, è estremamente pericoloso per la totale assenza di strisce pedonali. Si tratta di una strada frequentatissima, uno dei punti nevralgici di Palermo proprio per la presenza degli uffici giudiziari. L’attraversamento che conduce all’ingresso del palazzo, come documentano le foto, è completamente privo di strisce pedonali delle quali, a fatica, si può intuirne l’originaria esistenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X