IL CASO

Zamparini contro Lotito: "Delirio di onnipotenza, come Mussolini"

di
Parole di fuoco indirizzate al presidente della Lazio

PALERMO. Zamparini torna ad essere il vulcanico che tutti conosciamo. Questa volta le parole di fuoco non sono per il suo allenatore, bensì per il presidente della Lazio, Claudio Lotito: “Se Lotito avesse fatto dichiarazioni pubbliche gli darei zero in pagella – dice il patron rosanero a ‘La Zanzara’ - ma è una cosa infame aver registrato una telefonata privata. Ha detto delle boiate, si crede onnipotente. Ma forse non sa che il potere dà fastidio a molti che poi lo combatteranno”.

Allo stesso modo, però, Zamparini attacca anche Iodice, che ha registrato la chiamata con Lotito. "Solo nel regime sovietico accadono queste cose, come quando i figli registravano i padri liberali che poi andavano in galera. Iodice è una persona di bassissimo livello. Se non sei d’accordo con qualcuno e hai le palle glielo dici in faccia e poi magari vai a dire alla stampa che Lotito ti voleva condizionare. Non registri la telefonata".

Poi ancora attacco a Lotito: “Soffre di delirio di onnipotenza. Prima di lui ne hanno sofferto Mussolini e Craxi. Ora ce l’ha anche lui, vuole fare anche politica. Lotito ha detto delle boiate. Chi lo dice che il Carpi non può andare in Serie A? Io ho portato in A il Venezia e il bacino del Carpi e del Venezia è più o meno lo stesso. Quello che è successo a Lotito - prosegue ancora Zamparini - è una lotta tra due poteri. Da una parte c’è la Juve, dall’altra c’è lui che ha occupato una posizione che per 40 anni ha occupato la Juventus, che ora tenta di riprendersela”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X