La lunga attesa sotto casa e poi la gioia: Mattarella è presidente

PALERMO.  "Adesso spero possa venire a Palermo presto per fargli i complimenti". Sergio Mattarella ha appena ottenuto i 505 voti necessari al quarto scrutinio ed è diventato presidente della Repubblica e Carmelo Chillemi portiere del palazzo di via Libertà 66 ha la voce rotta dall'emozione nelle sue prime parole quando commenta l'elezione di un inquilino "speciale".

Quasi un segno del destino per il signor Chillemi. L'elezione di Mattarella è avvenuta pochi minuti prima che staccasse il suo turno. "È l'uomo giusto al posto giusto. Un'ottima scelta per l'Italia e un onore per Palermo e la Sicilia. Mi auguro che possa contribuire a tirare fuori il Paese dalla crisi. So quanto sia serio nel suo lavoro e so che metterà il massimo impegno".

Mattarella è appena diventato il capo dello Stato e il signor Chillemi comincia a ricevere telefonate dai familiari e chiamate al citofono da parte degli altri condomini. "Se mi avessero detto una cosa del genere una settimana fa, non ci avrei creduto. L'ultima volta che l'ho incontrato? A Natale quando mi ha fatto gli auguri. Adesso spero che possa tornare presto per fargli gli auguri".

Al 66 di via Libertà è un via vai di cronisti, cameraman e fotografi, ma a dire il vero nella zona la notizia è stata accolta in maniera un po' fredda come la giornata invernale e la pioggia che in queste ore si stanno abbattendo sul capoluogo siciliano. Nella zona, infatti, pochissimi i curiosi che si sono fermati e poi si sono subito allontanati.

Ecco le immagini della abitazione palermitana di Sergio Mattarella con le interviste a Manuela Siracusa Costamante e Michele Castronovo.

Immagini di Salvo Militello

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X