POLIZIA

Posteggiatore abusivo arrestato in piazza d'Orleans a Palermo

di
Ogni automobilista entrato all’interno della piazzetta per parcheggiare la propria autovettura, veniva avvicinato dall’uomo per pagare l’obolo

PALERMO. La Polizia di Stato ha arrestato M. CK. 34enne ghanese, ritenuto responsabile del reato di estorsione aggravata. Come altre mattine, l’uomo è giunto in piazza Enrico d’Orleans per esercitare la sua attività di parcheggiatore abusivo. L'arresto è avvenuto lunedì, ma se ne è avuta notizia solo ora.

I poliziotti notavano che ogni automobilista entrato all’interno della piazzetta per parcheggiare la propria autovettura, veniva avvicinato dall’uomo a manovra compiuta, e invitato a pagare l’obolo. Spettatori dell’attività clandestina gli agenti dell’investigativa del Commissariato di P.S. “Portanuova”, che ricevuta una segnalazione sulle richieste minacciose del posteggiatore, talvolta avanzate anche con l’uso di un coltello, hanno avviato un servizio di osservazione al fine di accertarne la corrispondenza al vero.

I poliziotti hanno avuto modo di appurare non solo l’attività svolta dal posteggiatore ma anche l’escamotage da lui utilizzato qualora un lesto automobilista fosse sfuggito alle sue richieste. Durate la mattinata i poliziotti, hanno notato che l’uomo, intenzionato a non lasciarsi sfuggire il “prezzo” del parcheggio, ha posizionato un cassonetto della spazzatura dietro l’autovettura, impedendo così ogni manovra al titolare della vettura in modo da impedire al conducente di andare via senza pagare l’obolo. Registrata l’attività illecita, gli agenti hanno deciso di entrare in azione. Fintisi automobilisti in cerca di un parcheggio, hanno fatto accesso nella piazzetta e parcheggiato la propria autovettura.

L’uomo, non resosi conto della presenza degli speciali clienti, si è avvicinato e senza giri di parole ha chiesto 2 euro. I poliziotti, fingendosi accondiscendenti nel pagare il prezzo, hanno risposto di poter dare solo 1 euro. L’uomo, non incline a ribassare il prezzo, con veemenza e atteggiamento minaccioso, ha ribadito di pagare l’obolo richiesto. A questo punto, gli agenti, qualificatisi, hanno proceduto ad identificare e fermare l’uomo.

Eseguita la perquisizione personale, i poliziotti hanno rinvenuto un coltello da cucina, una lametta, nonché la somma di 185 euro euro suddivisi tra monete e banconote, probabile frutto dell’attività illecita. Sequestrato quanto rinvenuto addosso al soggetto, gli agenti, su disposizione del Pubblico Ministero, hanno condotto il 34enne presso le camere di sicurezza della Questura di Palermo in attesa di esser giudicato, con il rito della direttissima. Il giudice convalidato l’arresto ha disposto la misura degli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X