LA STORIA

Da aspirante finanziere a prete: ordinato un bagherese

di
Il ministero presbiteriale impartito dal cardinale Romeo a fra' Pietro Buttitta, dei Minori di Sicilia. «La vocazione mentre assistevo i malati in un convento»

BAGHERIA. Poteva diventare un finanziere, aveva sostenuto anche il concorso per entrare in accademia, e invece ieri è diventato presbitero, il primo della storia della parrocchia di Sant'Antonio. Stamani alle ore 11.30 presiederà per la prima volta l'Eucaristia nella chiesa che da bambino frequentava insieme alla sua famiglia, con papà, mamma e l'amata oltre che «speciale» sorella Anna, che lo ha sempre accompagnato nella sua vita.

Fra’ Pietro Buttitta, 32 anni, dei frati Minori di Sicilia, ieri sera nella cattedrale di Palermo è stato ordinato dal cardinale Paolo Romeo insieme a un altro giovane, il frate domenicano Giovanni Tisti che ha ricevuto l'ordine sacro del diaconato. Fra’ Pietro, dopo avere frequentato l’istituto tecnico commerciale Don Luigi Sturzo aveva pensato di intraprendere la carriera militare nella Finanza, ma ad un certo punto ha avvertito forte la chiamata di Dio che già si era manifestata quando accudiva gli anziani e gli ammalati dell'infermeria del convento di Sant'Antonio. Quindi, sorretto dai frati del convento, ha iniziato gli studi teologici che ha concluso all'istituto San Tommaso di Messina.

ALTRE NOTIZIE NELLE PAGINE DEL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X