Messineo, "Agenzie scommesse: il nuovo business di Cosa nostra"

Lo denuncia il procuratore di Palermo illustrando i particolari dell'operazione antimafia. Sette agenzie, tutte nel quartiere Noce, sarebbero riconducibili al boss Chiovaro

PALERMO. "Da questa indagine emerge che "Cosa nostra" è sempre in grado di reinventarsi trovando nuove occasioni di guadagno come, in questo caso, le agenzie di scommesse". Lo denuncia il procuratore di Palermo Francesco Messineo che ha illustrato, durante una conferenza stampa, i particolari dell'operazione antimafia che ha portato all'arresto di 41 tra boss, estorsori e prestanome.
Nell'ambito dell'operazione, che ha individuato i nuovi capi del mandamento mafioso della 'Noce', sono state sequestrate sette agenzie di scommesse che sarebbero riconducibili al boss Fabio Chiovaro e che si trovano tutte nel quartiere Noce.
Sul nuovo business di "Cosa nostra" è intervenuto anche il procuratore aggiunto Antonio Ingroia che ha coordinato le indagini della polizia. "In questo settore - ha detto - c'é una capillare presenza mafiosa. Si tratta di un investimento che ha grandi potenzialità per il riciclaggio". Secondo Ingroia "nonostante i colpi subiti la mafia mantiene un dinamismo criminale che le consente di avere un efficace controllo del territorio che si manifesta sia in modo tradizionale, ad esempio con le estorsioni, sia con investimenti in nuove attività economiche".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook